I sommergibili sovietici nel Mar Nero (1939-1945)

Alessandro Lattanzio

shch311Tabella riepilogativa dei sommergibili sovietici

Classe Sh (16 unità) 10 perdute, 23 navi affondate e 6 navi danneggiate
Classe S (5 unità) 2 perdute, 3 navi affondate
Classe L (6 unità) 3 perdute, 9 navi affondate e 2 navi danneggiate
Classe D (3 unità) 2 perdute, 2 navi affondate
Classe A (5 unità) 2 perdute, 2 navi affondate e 1 nave danneggiata
Classe M (32 unità) 7 perdute, 9 navi affondate

Totale 67 unità di cui 26 perdute, 48 navi affondate e 9 navi danneggiate.
Il rapporto tra sommergibili perduti e navi affondate fu di 1,84.
Le navi militari nemiche affondate includevano il posamine Regele Carol I, il dragamine ausiliario tedesco D-2, le chiatte da sbarco tedesche F-130, F-474, F-566, F-580 e F-592 della classe MFP, e la SF-35 della classe Siebel. Furono danneggiati la chiatta da sbarco tedesca F-329 e il dragamine ausiliario R-164. Le altre vittime furono 40 mercantili, navi cisterna, rimorchiatori, chiatte, motoscafi e golette affondati, distrutti o danneggiati senza essere riparati. Altre 6 unità furono danneggiate (una settima danneggiata per essere poi riparata e poi silurata ancora, e non più riparata)

Elenco dei sommergibiliShVbisSerie Shuka Vbis
Sh-201 ebbe l’Ordine della Bandiera Rossa, il 30 giugno 1943 affondava il peschereccio armato MFK-5701 (15 t)
Sh-202
Sh-203 (affondato il 26 agosto 1943 dal minisommergibile italiano CB-4)

Shadowgraph_Schuka_class_V-bis-2_series_submarine.svgSerie Shuka VbisII
Sh-204 (affondato il 6 dicembre 1941 da un idrovolante tedesco He-59 o da mine)
Sh-205 ebbe la Guardia alla Bandiera, il 18 maggio 1942 danneggiò il mercantile turco Duatepe (128 t) e la goletta turca Mahbuba Jahan (20 t); il 23 maggio 1942 affondò il mercantile turco Zafer (330 t).
Sh-206 (affondato il 9 luglio 1941 dalle motosiluranti rumene Viforul e Viscolul)
Sh-207

Shadowgraph_Schuka_class_X_series_submarine.svgSerie Shuka X
Sh-208 (perduto il 23 agosto 1942)
Sh-209, 5 vittorie confermate, ebbe l’Ordine della Bandiera Rossa, il 22 agosto 1943 catturò la goletta turca Derviske (30 t); il 25 agosto 1943 catturò la goletta turca Yilmaz (60t). Le golette furono abbandonate e affondate; il 2 dicembre 1943 affondava il mezzo da sbarco tedesco F-566 (155 t) carico di 3 semoventi e un blindato; il 20 luglio 1944 affondava la goletta turca Semsi Bahri (55 t); il 26 luglio 1944 affondava la goletta turca Hyydakerim (125 t)
Sh-210 (perduto il 12 marzo 1942)
Sh-211 (perduto il 14 novembre 1941), il 15 agosto 1941 affondava il mercantile rumeno Peles (5708 t); il 29 settembre 1941 affondava la petroliera italiana Superga (6154 t) con 1800 tonnellate di benzina e 2350 tonnellate di petrolio
Sh-212 (perduto l’11 dicembre 1942)
Sh-213 (perduto il 14 ottobre 1942), il 23 febbraio 1942 affondava il mercantile turco Çankaya (164 t); il 24 febbraio 1942 affondava il mercantile bulgaro Struma (257 t) carico di profughi ebrei, 768 morirono; il 3 marzo1942 danneggiò la goletta turca Adana
Sh-214 (affondato il 19 giugno 1942 dalla motosilurante italiana MAS-571), aveva affondato 6 navi, il 3 novembre 1941 affondò la goletta turca Kaynakdere (75 t); il 5 novembre 1941 affondò la petroliera italiana Torcello (3336 t); il 1° gennaio 1942 affondò la goletta turca Koraltepe (65 t); il
29 maggio 1942 affondò una goletta sconosciuta speronandola; il 31 maggio 1942 affondava un’altra goletta; il 2 giugno 1942 affondava una terza goletta per speronamento. Le tre golette erano turche, ma il governo turco vietò alla stampa di divulgare informazioni per non provocare incidenti diplomatici.
Sh-215, 8 vittorie, ebbe l’ordine della Guardia, il 18 novembre 1941 affondò il mercantile turco Yenice (428 t); il 24 gennaio 1943 danneggiò il rimorchiatore tedesco Stralsund (190 t) e la chiatta tedesca L-1357; il 24 maggio 1943 danneggiò il dragamine tedesco R-164; il 30 agosto 1943 affondò il mercantile tedesco Tisbe (1782 t) carico di 1600 tonnellate di cromo; il 15 novembre 1943 affondò il mezzo da sbarco tedesco F-592 (155 t); il 24 aprile 1944 recuperò in mare un disertore tedesco su una piccola barca a remi; il 5 agosto 1944 affondò la goletta turca Mefkure (65 t) scarica di profughi ebrei, 301 scomparvero; il 24 agosto 1944 affondava la goletta bulgara Vita (135 t).

Shadowgraph_Schuka_class_X-bis_series_submarine.svgSerie Shuka Xbis
Sh-216 (affondato il 17 febbraio 1944 dai cacciasommergibili tedeschi UJ-103 e UJ-106), il 10 ottobre 1942 affondò il mercantile rumeno Carpati (4336 t); il 6 agosto 1943 danneggiò la petroliera tedesca Friederike (7327 t).

SbisSerie Stalinets IXmod
S-31, ebbe l’Ordine della Bandiera Rossa, il 9 dicembre 1943 affondò il mezzo da sbarco tedesco F-580 (155 t) con 20 tonnellate di munizioni.
S-32 (perduto il 26 giugno 1942 per attacco aereo tedesco)
S-33, ebbe l’ordine della Guardia, il 20 aprile 1943 affondava il mercantile rumeno Suceava (6876 t); il 12 maggio 1944 affondò il mezzo da sbarco F-130 (155 t), di cui catturava la bandiera della Kriegsmarine.
S-34 (perduto il 13 novembre 1941)
S-35

L_2Serie Leninets II
L-4, 9 vittorie, ebbe l’Ordine della Bandiera Rossa, il 15 settembre 1941 affondò il mercantile bulgaro Chipka (2304 t); il 10 ottobre 1941 affondò il posamine rumeno Regele Carol I, la nave da guerra più importante affondata da un sommergibile nel Mar Nero; il 19 novembre 1941 affondava il dragamine ausiliario tedesco D-2; il 23 maggio 1943 danneggiava il mezzo da sbarco tedesco F-329 (155 t); il 22 luglio 1943 affondava la goletta turca Tayyari Bahri (60 t); il 23 luglio 1943 affondava la goletta turca Gurpinar (40 t); il 28 luglio 1943 danneggiava il mezzo da sbarco tedesco EL-74 (139 t), mai riparato; il 23 novembre 1943 affondava il mercantile tedesco Santa Fe (4627 t) che trasportava 1278 tonnellate di carico militare, tra cui 12 cannoni semoventi StuG e Jagdpanzer, e 100 mine navali; il 14 dicembre 1943 il cacciasommergibili tedesco UJ-102 lanciò bombe di profondità sul relitto del Santa Fè, ed esplose dopo aver fatto detonare il carburante dal relitto; l’11 maggio 1944 danneggiò la petroliera tedesca Friederike (7327 t) che non venne mai riparata. Una perdita grave perché ne impedì l’uso per evacuare le truppe tedesche dalla Crimea.
L-5, danneggiava il 17 febbraio 1943 il mezzo da sbarco tedesco F-473 (155 t), mai riparato.
L-6 (affondato il 18 aprile 1944 dal cacciasommergibili tedesco- UJ-104), il 26 novembre 1943 affondava il mercantile tedesco Wolga-Don (956 t) con 325 tonnellate di carico per la Luftwaffe.

L-XIIISerie Leninets XIIImod
L-23 (perduto il 17 gennaio 1944 per motivi sconosciuti), il 14 novembre 1942 danneggiava la petroliera tedesca Ossag (2793 t); il 15 giugno 1943 affondava il mezzo da sbarco tedesco F-121 (155 t).
L-24 (perduto tra il 15 e il 29 dicembre 1942)
L-25 (perduto il 18 dicembre 1944, dopo la fine delle ostilità in Mar Nero).

799px-Shadowgraph_Dekabrist_class_I_series_submarine.svgSerie Dekabrist I
D-4 (perduto il 1° dicembre 1943), il 20 agosto 1943 affondava il mercantile bulgaro Varna (2141 t) con 520 tonnellate di munizioni
D-5, l’8 dicembre 1942 affondava la goletta turca Beycik (60 t)
D-6 (autoaffondato il 26 giugno 1942)

agHolland
A-1 (autoaffondato il 26 giugno 1942)
A-2, affondava il 10 ottobre 1943 il mezzo da sbarco tedesco F-474 (155 t) carico di munizioni
A-3 (affondato da una mina il 28 ottobre 1943), il 29 maggio 1942 affondava il mercantile rumeno Sulina (3495 t).
A-4
A-5 ebbe l’Ordine della Bandiera Rossa, l’11 giugno 1942 danneggiò il mercantile rumeno Ardeal (5695 t).

740px-Shadowgraph_Malyutka_class_VI_series_submarine.svgSerie Maljutka VI
M-23, M-24, M-25, M-26, M-27, M-28, M-51, M-52

ussr-malyutka-class-vi-bis-series-submarineSerie Maljutka VImod
M-54, M-55

ussr-malyutka-class-xii-series-submarineSerie Maljutka XII
M-30
M-31 (perduto il 17 dicembre 1942), il 6 ottobre 1942 affondava il rimorchiatore rumeno Oltul (50 t)
M-32
M-33 (perduto il 22-25 agosto 1942)
M-34 (perduto il 3 novembre 1941)
M-35 ebbe l’ordine della Guardia, il 26 ottobre 1941 affondò il mezzo da sbarco tedesco SF-35 (140 t); il 21 ottobre 1942 affondava la petroliera tedesca Le Progrès (511 t); il 2 novembre 1943 affondava la chiatta tedesca L-1293 (1270 t)
M-36 (perduto il 4 gennaio 1944 per incidente), il 23 agosto 1942 affondava il rimorchiatore tedesco Ankara (112 t)
M-58 (perduto nell’ottobre 1941)
M-59 (perduto nel novembre 1941)
M-60 (perduto nel settembre 1942)
M-62 ebbe l’ordine della Guardia
M-111 ebbe l’ordine della Bandiera Rossa, il 29 giugno 1943 danneggiò il mezzo da sbarco tedesco F-325; il 28 agosto 1943 danneggiò la petroliera tedesca Hainburg (378 t); il 12 novembre 1943 affondava il mercantile tedesco Teodorico (3817 t) carico di mezzi militari.
M-112, il 25 ottobre 1943 affondò la chiatta Tyra V (1278 t)
M-113, M-114, M-115, M-116, M-117
M-118 (affondato il 1° ottobre 1942 dalle corvette rumene Ghigulescu e Stihi Eugen), il 1° ottobre 1942 affondò il mercante tedesco Salisburg (1742 t), carico di manganese e 2300 prigionieri di guerra sovietici, di cui 1200 morirono nell’affondamento.
M-120, dopo la guerra, il 27 agosto 1947, il sommergibile affondò con l’artiglieria di bordo i sommergibili tedeschi U-18 e U-24 catturati nel Mar Nero alla fine della guerra.

 800px-Shadowgraph_Malyutka_class_XV_series_submarine.svgSerie Maljutka XV
M-202, M-203

Fonte: Soviet Empire

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...